Concorsi per nuovi vertici del Dipartimento delle istituzioni

Concorsi per nuovi vertici del Dipartimento delle istituzioni

Il Dipartimento delle istituzioni informa che oggi sono stati pubblicati i bandi di concorso per la sostituzione del Segretario generale del Dipartimento, avv. Guido Santini, e del Direttore della Divisione della giustizia e coordinatore del Dipartimento delle istituzioni, avv. Giorgio Battaglioni, i quali fruiranno della pensione a partire dai primi mesi del 2016. Il Consigliere di Stato Norman Gobbi coglie l’occasione per ringraziare gli avvocati Santini e Battaglioni per la loro lunga e proficua attività in seno all’Amministrazione cantonale, così come per l’impegno profuso nell’esercizio della loro funzione.

Il Segretario generale assicura il supporto e la consulenza al Direttore del Dipartimento nella progettazione, organizzazione e coordinamento delle attività dipartimentali. Questa figura collabora con il Direttore del Dipartimento nella gestione degli atti amministrativi e nella preparazione delle deliberazioni del Consiglio di Stato, cura le relazioni esterne e interne, rappresenta il Direttore del Dipartimento verso l’esterno e presiede o partecipa a gruppi di lavoro e commissioni.

Il Direttore della Divisione della giustizia assicura, invece, la direzione della Divisione e delle unità ad essa subordinate, garantendo consulenza, informazione e rappresentanza nelle relazioni esterne. Inoltre, presiede o partecipa a gruppi di lavoro e commissioni.

A seguito della nomina dell’avv. Francesco Catenazzi a consulente giuridico del Consiglio di Stato, quest’oggi è stato inoltre pubblicato il concorso di Capostaff della Divisione della giustizia.

Il Dipartimento delle istituzioni cerca quindi tre funzionari dirigenti che svolgeranno un importante servizio per lo Stato e per l’insieme della collettività. Essi avranno la possibilità di contribuire alla costruzione del futuro del nostro Cantone negli ambiti di propria competenza. I ruoli in questione permetteranno di allacciare numerosi contatti istituzionali e di promuovere misure che consentiranno di migliorare il rapporto tra lo Stato e il cittadino.

Per i concorsi valgono le condizioni generali in vigore nell’Amministrazione cantonale. Le candidature sono da inoltrare secondo quanto pubblicato su www.ti.ch/concorsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.