Concorso What’s up 2013, ecco i premiati

Concorso What’s up 2013, ecco i premiati

Successo per la serata dedicata all’integrazione. Sabato, dopo il taglio del nastro dell’ On. Norman Gobbi alle ore 14.00, e il grande concerto di gruppi giovanili, si è conclusa la seconda edizione del Concorso What’s up 2013 dedicata all’integrazione.

Una serata riuscita bene con la presentazione di Manu D dei Karma Krew.

Alle 21.00 si è tenuta la premiazione dei video e delle canzoni migliori da parte del responsabile del Progetto Barzaghini Marco, accompagnato dai presidenti delle due giurie Luiis Franceschi e Luis Carlo.

Ecco i premiati Canzoni:

1) Viva sud – SuMisura / punteggio: 134.25 (tantissimi i voti su internet)

2) Better Society – Ivan Hagen / Andrea Crivelli / punteggio: 94 (antissimi voti su internet)

3) Soltanto un secondo feat. Rayen & Imai / punteggio: 66.55

Menzione speciale (la votazione che ha ricevuto più voti dai giudici): Nella stessa direzione – GreenPit & Dj Soul K (media di voto circa 9 a giudice)

Classifica video:

1) Sara Arango Ochoa

2) Luisenzaltro

3) StrangeParody

Menzione speciale della giuria: Caruso Filippo.

“Vincere il concorso musicale WHATS’UP 2013 è stata una bella sorpresa – commentano i SuMisura!, vincitori del concorso -. Non pensavamo di raggiungere il gradino più alto del podio, considerando che suoniamo insieme da appena un anno”. “La nostra canzone, dal titolo “Viva Sud”, affronta il tema del l’integrazione da un punto di vista macroscopico. Con “Paesi del Sud” si intendono le regioni povere o in via di sviluppo del pianeta. Viva Sud è un urlo contro il sistema di benessere dei “Paesi ricchi”, divenuti tali per mezzo dello sfruttamento di altri popoli. È una canzone che elenca ipotetiche soluzioni politiche, sociali ed economiche che permettano di rimescolare le carte di questo squilibrio globale. Consapevoli che si tratta di una canzone. È uno spunto di riflessione, una provocazione. Per capire come affrontare il tema dell’integrazione a livello locale, bisogna conoscere le cause o i motivi che spingono così tante persone a cercare una vita migliore in paesi esteri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.