Gobbi annuncia: “Creeremo un’équipe di Polizia dedicata agli abusi sul lavoro”

Gobbi annuncia: “Creeremo un’équipe di Polizia dedicata agli abusi sul lavoro”

L’idea di creare all’interno della Polizia cantonale una “brigata del lavoro” – che lanciammo il 21 gennaio nell’ambito di un’intervista al Procuratore generale John Noseda – è piaciuta al ministro Norman Gobbi. Che l’ha portata avanti. Un’idea – che abbiamo rilanciato ieri in un altro articolo dedicato al degrado del mondo del lavoro in Ticino – che dovrebbe dunque concretizzarsi nel prossimo futuro, durante la fase di riorganizzazione delle aree operative della Polizia cantonale.

Guerra ai farabutti, Gobbi annuncia: “Creeremo un’équipe di Polizia dedicata agli abusi sul lavoro. Il comandante e John Noseda sono d’accordo”
“Ne ho parlato sia con il PG Noseda, sia con il comandante Matteo Cocchi, ed entrambi sono favorevoli – dice il direttore del Dipartimento istituzioni -. Credo che di fronte a casi sempre più frequenti di abusi o gravi violazioni delle leggi, casi che mettono a rischio la nostra pace sociale e le dignità del lavoro, lo Stato debba rispondere con una misura forte e chiara. Creare un’équipe del lavoro coordinata dalla Polizia cantonale avrà a mio avviso anche un effetto deterrente nei confronti di chi pensa che il Ticino sia una terra di conquista senza regole”.

“Pensiamo ad un gruppo di agenti, sia della Polizia giudiziaria sia della Gendarmeria, guidati da un commissario, che abbiamo il compito di coordinare le attività preventive dei diversi partner e nell’attività repressiva svolgere inchieste su situazioni sospette legate al lavoro. Questo nucleo di investigatori dovrà quindi raccogliere e coordinare le informazioni sensibili provenienti dall’Ispettorato del lavoro, dalla Commissione tripartita – quindi dalle parti sociali, sindacati e associazioni padronali -, dai servizi cantonali, dalle polizie e dai differenti servizi comunali, ma anche dai cittadini che vengono a conoscenza di casi dietro ai quali si potrebbero nascondere violazioni di leggi, regole o contratti, o situazioni di sfruttamento e di abuso. Dovrà quindi identificare e verificare tutta una serie di casi critici legati al mondo del lavoro”.

Il nostro obiettivo, conclude Gobbi, “è mettere in rete queste informazioni (come già abbiamo fatto creando una linea diretta tra Ufficio fallimenti e Ministero pubblico) e dar loro seguito a livello investigativo, indipendentemente dal fatto sfocino in reati penali o amministrativi”.

http://www.liberatv.ch/articolo/28923/guerra-ai-farabutti-gobbi-annuncia-creeremo-un%C3%A9quipe-di-polizia-dedicata-agli-abusi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.