Il 43% dei detenuti sta in carcere meno di un mese

Il 43% dei detenuti sta in carcere meno di un mese

Le detenzioni di corta durata sono ancora molto diffuse in Svizzera. Nel 2013, su un totale di 9.584 soggiorni dietro le sbarre, 4.120 (43%) sono durati meno di un mese. Rispetto all’anno precedente, in media, il tempo passato in carcere è comunque aumentato da 147 a 152 giorni, stando ai dati dell’Ufficio federale di statistica (UST). Anche la durata mediana è cresciuta: la metà dei detenuti è rimasto in carcere meno di 47 giorni nel 2013, meno di 42 giorni nel 2012. Le pene detentive da uno a tre mesi sono state 2.059 quelle fra 3 e 6 mesi 1.382 e quelle fra 6 e 18 mesi 1.119. Solo 590 incarcerazioni hanno superato un anno e mezzo. L’elevato numero di detenzioni di breve durata è dovuto a due fenomeni: l’aumento delle condanne per violazione della legge sugli stranieri, passate da 10.794 nel 2008 a 16.849 nel 2012, e l’evoluzione nei motivi alla base dell’incarcerazione. Gli stranieri risultano più numerosi degli svizzeri (6.831 contro 2.753) e in particolare gli algerini (706), i tunisini (464), i rumeni (402), i serbi (356) e i nigeriani (337). (Foto Maffi)

Corriere del Ticino, 30.09.2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.