Infocentro: spiraglio da Berna

Infocentro: spiraglio da Berna

Articolo pubblicato nell’edizione di venerdì 19 ottobre 2018 de La Regione

Ministro Gobbi ottimista

«Sono positivamente orientato a dire che una soluzione si potrà trovare». Contattato dalla ‘Regione’, il ministro Norman Gobbi spiega che dopo un primo fallimento delle trattative con la Confederazione, negli ultimi tempi il Cantone si è di nuovo attivato per cercare di trovare una soluzione. «L’unico che può salvare l’Infocentro è l’esercito. E ci siamo mossi in tal senso», aggiunge Gobbi. Il Dipartimento delle istituzioni (Di) che dirige ha il ruolo di mediatore tra la ditta privata AlpTransit San Gottardo, attuale proprietaria, e il potenziale cliente, la Confederazione tramite il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (Ddps). Un’acquisizione, aggiunge Gobbi, che non è tuttavia scontata. L’edificio costato 11 milioni di franchi si trova in zona non edificabile, sul sedime che interessa armasuisse per potervi insediare la piazza d’istruzione per le truppe sanitarie ora presente alla Saleggina, a Bellinzona, dov’è previsto l’ospedale cantonale. Se l’ultima versione di armasuisse prevedeva il ritiro del terreno senza edificio, ora potrebbe cambiare idea. Il Di, spiega Gobbi, ha infatti riportato sul tavolo del Ddps alcuni elementi «che non erano stati sufficientemente presi in considerazione dai responsabili di armasuisse quando scartarono la possibilità di tenere l’Infocentro». Se la trattativa andasse a buon fine, in un secondo momento si potrebbe avviare l’iter per il cambio di destinazione e valutare quali servizi inserire.

 

Servizio all’interno dell’edizione di giovedì 18 ottobre 2018 de Il Quotidiano

Infocentro, incontro tra Parmelin e Gobbi

https://www.rsi.ch/play/tv/redirect/detail/10998680

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.