Lavoro, investigatori ad hoc

Lavoro, investigatori ad hoc

La proposta del ministro: in polizia un gruppo di specialisti contro gli illeciti in cantieri e ditte. Favorevoli il comandante della Cantonale e il pg. Gobbi: necessario anche un maggior coordinamento fra le varie autorità. Il capo del Dipartimento istituzioni: dobbiamo evitare il ripetersi di quanto accaduto per il Lac.

La lista degli illeciti penali nel mondo del lavoro può essere lunga. Usura, estorsione, falsità in documenti e appropriazione indebita di contributi sociali i reati più frequenti. Quando si riesce a scoprirli. Secondo il capo del Dipartimento istituzioni «urge» un giro di vite. «Oggi in Ticino – dice alla ‘Regione’ Norman Gobbi – s’impone, anche in ottica preventiva, un’azione maggiormente incisiva di contrasto a ogni forma di abuso in cantieri e ditte, con tempestiva segnalazione alla magistratura inquirente dei casi di violazione del Codice penale». Il ministro ritiene quindi «indispensabile» la presenza in seno alla Polizia cantonale «di un gruppo di agenti che monitori costantemente la situazione e coordini gli interventi». Ne ha parlato di recente «con il comandante e con il procuratore generale». E, assicura il ministro, «la volontà è di procedere in tal senso». Per Gobbi occorre dunque dar vita in polizia «a un nucleo di specialisti», sul modello «di altre sezioni specialistiche» della Polgiudiziaria «che si avvalgono della collaborazione di enti di vigilanza e dell’impiego puntuale di gendarmi e ispettori per operazioni appunto mirate». Insomma, anche nella lotta agli abusi in aziende e cantieri «serve una squadra di agenti ad hoc». Ancora da definire la sua composizione. L’entrata in funzione? «Spero in tempi brevi». Inizialmente, aggiunge il direttore del Dipartimento istituzioni, «potrebbe essere formata da due, tre poliziotti provenienti dalla Giudiziaria e dalla Gendarmeria: penso a un nucleo di specialisti che funga da centro di competenze e di coordinamento delle varie istanze cantonali preposte alla sorveglianza del settore, come gli ispettori del lavoro e quelli delle assicurazioni sociali, come anche la stessa Gendarmeria, che già oggi esegue controlli anti lavoro nero». Questo «per una condivisione rapida di segnalazioni, informazioni e dati, cosa che permetterebbe interventi più efficaci e la trasmissione in tempi brevi al Ministero pubblico dei dossier di rilevanza penale».

‘Un sottobosco preoccupante’

Sulla necessità di un maggior coordinamento fra le diverse autorità pongono l’accento pure il comandante della Polcantonale Matteo Cocchi («Approfondiremo la proposta del consigliere di Stato nel quadro della riorganizzazione del corpo») e il pg John Noseda . «Sono senz’altro d’accordo con quanto suggerisce il capo del Dipartimento istituzioni; attualmente dei reati legati al mondo del lavoro si occupa, a dipendenza delle singole situazioni, questo o quel settore della Polizia cantonale: commissariati, sezione Reati economico-finanziari, Scientifica, Gendarmeria», spiega Noseda da noi interpellato. «Poter contare su un gruppo di agenti con conoscenze specifiche sul mercato del lavoro, che sia in contatto con gli uffici del Cantone incaricati di controllare questo mercato e che coordini gli interventi è senz’altro utile anche per noi magistrati», afferma il procuratore generale ribadendo ciò che aveva dichiarato sul tema poco più di un mese fa in un’intervista a ‘Liberatv.ch’. Emblematico, riprende Gobbi, «quello che è accaduto sul cantiere del Lac: inchieste e processi hanno fatto emergere un sottobosco di illegalità assai preoccupante». Preoccupante «per la sicurezza degli operai e per la sicurezza in generale: bisogna perciò mettere in campo al più presto anche delle misure a livello di polizia per evitare che fenomeni come il caporalato attecchiscano pure da noi e per scongiurare eventuali abusi derivanti dal franco forte». Misure volte pure «a tutelare la parte sana dell’economia di questo cantone».

di Andrea Manna, LaRegione Ticino, 25.02.2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.