Legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione – Al via la seconda fase dell’aggiornamento

Legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione – Al via la seconda fase dell’aggiornamento

Nella seduta odierna il Governo ha approvato il messaggio che propone di concretizzare la seconda parte del progetto di revisione della Legge cantonale sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (Lear) che tiene conto delle osservazioni formulate dagli enti coinvolti nella consultazione avviata lo scorso mese di febbraio. Una volta che il Parlamento avrà avvallato il messaggio, il Governo procederà a modificare anche il regolamento d’applicazione e fisserà in seguito la sua entrata in vigore.

L’entrata in vigore del primo pacchetto di modifiche normative, avvenuta il 15 giugno 2017, aveva portato a una serie di cambiamenti rilevanti per l’attività degli esercizi pubblici del Canton Ticino; come noto, era stato ad esempio introdotto il permesso di posticipare alle 2.00 la chiusura ogni venerdì, sabato e nei giorni prefestivi.
Ad alcuni mesi di distanza, dopo aver posto il nuovo disegno di legge in consultazione per verificare il livello di gradimento del progetto, il Consiglio di Stato ha adottato alcune correzioni e propone al Gran Consiglio le seguenti misure:

L’assoggettamento alla legge di «take away» e cucine itineranti («food truck») qualora intendano permettere il consumo sul
posto, in caso contrario il loro regime rimarrà invariato.

L’introduzione del permesso di assumere la gestione di più esercizi pubblici, attenuando l’obbligo di presenza fisica del   gerente,  senza intaccarne il ruolo di responsabilità.

Un ammodernamento dei tipi di esercizi pubblici descritti dalla legge attraverso una reimpostazione e semplificazione delle categorie.

L’inasprimento delle sanzioni previste nell’ambito della lotta all’abuso di alcool.

La modifica della legge voluta dal Consiglio di Stato consente di evadere due atti parlamentari pendenti sul tema, ovvero la mozione “Maggiore tutela dei clienti, collaboratori e gerenti nei locali pubblici” presentata da Marco Passalia il 3 novembre 2014 e l’iniziativa parlamentare del 21 giugno 2017 presentata nella forma generica da Nadia Ghisolfi e cofirmatari per la modifica della Lear al fine di introdurre un obbligo di separazione (non necessariamente fisica) in settori negli spazi all’aperto degli esercizi pubblici. L’entrata in vigore delle modifiche legislative sarà fissata unicamente dopo la decisione parlamentare, dopo la quale il Governo provvederà ad aggiornare anche il Regolamento d’applicazione relativo alla legge sulla ristorazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.