Nano, grazie per aver svegliato il Ticino

Nano, grazie per aver svegliato il Ticino

Norman Gobbi ricorda il Nano: “La tua lungimiranza, il tuo fiuto politico e la tua capacità di dar fiducia a noi giovani hanno garantito alla Lega il ricambio generazionale necessario per continuare le battaglie da te avviate”.

Caro Nano,

a un anno dalla tua dipartita, il vuoto che hai lasciato nella fa­miglia leghista rimane incolma­bile. La tua scomparsa – avvenuta senza il minimo preav­viso – è stata particolarmente dolorosa. Abbiamo perso una persona che per ciascuno di noi è stato un po’ padre, un po’ amico e un po’ maestro di vita. La tua lungimiranza, il tuo fiuto po­litico e la tua capacità di dar fiducia a noi giovani hanno garantito alla Lega il ricambio generazionale necessario per continuare le bat­taglie da te avviate.

Molte continuiamo tenacemente a combatterle, altre siamo riusciti a vincerle: penso allo scorso 9 febbraio, quando il Popolo si è coraggiosamente slegato il cappio dell’UE o alla vit­toria alle Comunali di Lugano, con la conquista della carica di Sin­daco e l’elezione di tre Municipali. La tristezza è stata quella di non aver potuto gioire fisicamente accanto a te in quei momenti anche se, credimi, con i nostri sorrisi rivolti al cielo e i nostri cuori ti ab­biamo cercato.

In vita i tuoi avversari politici ti hanno sempre temuto, una paura che neppure la tua scomparsa è riuscita ad esorcizzare: molti di loro scommettevano sulla fine della Lega e del Mattino della Domenica, già entro l’estate 2013. Una scommessa clamorosamente persa; la prova ne è la giornata odierna che ci vede tutti riuniti a celebrare il grande uomo che sei stato e a ringraziarti per aver svegliato il Ticino dal torpore che lo avvolgeva prima della nascita della Lega.

Norman Gobbi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.