Più risorse alla lotta contro i reati ecomici e finanziari

Più risorse alla lotta contro i reati ecomici e finanziari

Dal 1° gennaio di quest’anno rinforzi temporanei per la Polizia giudiziaria. Per un anno con la Reati economico-finanziari e il Gruppo criminalità informatica. ‘Progetto pilota’, con tre ausiliari specialisti.

I rinforzi, ancorché temporanei, sono arrivati. Dal 1° gennaio – e per un anno – tre persone con la funzione di «ispettore specialista ausiliario» collaborano con la Polizia giudiziaria della Cantonale nel quadro delle indagini sui reati finanziari e informatici. Si tratta, specificano dal Dipartimento istituzioni, di una donna (classe 1965) e di due uomini: uno nato nel 1957, l’altro nel ’59. Lei è un ingegnere informatico, i due hanno una solida esperienza in ambito bancario. Erano finiti in disoccupazione o avevano il contratto in scadenza, ma senza prospettive di impiego a breve. Il loro reclutamento è stato deciso lo scorso novembre dal governo, dietro richiesta del Dipartimento. Questo «conformemente a una procedura di assunzione, che coinvolge gli Uffici regionali di collocamento, voluta a suo tempo dal Gran Consiglio».
Era stato il procuratore generale John Noseda a sollecitare, con una lettera inviata intorno alla metà del giugno 2014 al Consiglio di Stato, il momentaneo potenziamento del personale di supporto agli inquirenti, alle prese con un incremento delle inchieste, in particolare sugli illeciti in campo finanziario. Pochi giorni dopo la missiva del pg, il capo del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi aveva incontrato lo stesso Noseda per approfondire tema e richiesta. In agosto una nuova lettera. Quella dei vertici del Dipartimento al procuratore generale. «Proponevamo – ricorda Gobbi alla ‘Regione’ – l’assunzione per tre anni, dal 1° gennaio 2015, di tre ausiliari nella funzione di segretario giudiziario aggiunto. Ciò per far fronte ai picchi straordinari di attività e per ridurre i costi derivanti da eventuali perizie esterne nel corso delle indagini su reati finanziari e informatici. Questa riduzione dei costi avrebbe infatti dovuto compensare gli oneri salariali, quantificati in circa 240mila franchi annui, legati all’assunzione degli ausiliari».
Che il Dipartimento prevedeva di assegnare al Ministero pubblico, in veste appunto di segretari giudiziari aggiunti. «Individuate, con la collaborazione degli Uffici di collocamento, del pg e della Polgiudiziaria, le tre persone ritenute in possesso dei necessari requisiti, il 18 novembre – spiega il ministro – il Consiglio di Stato ne ha formalizzato l’assunzione, attribuendole non alla Procura, bensì alla Polizia cantonale, segnatamente al suo settore investigativo». Ovvero «la Polizia giudiziaria, che coopera a stretto contatto con i magistrati del Ministero pubblico». Si è inoltre stabilito che opereranno «per un anno e non per tre». Una soluzione «che mi soddisfa», afferma Gobbi: «E che ha trovato l’approvazione del pg».

Gobbi: meno perizie esterne
Dei tre rinforzi accordati alla Polizia cantonale quali ispettori specialisti ausiliari, la donna è attiva in seno al Gruppo criminalità informatica, mentre i due uomini nella Ref, la sezione Reati economico-finanziari. Sia la Ref che la squadra di investigatori impegnati nelle indagini sugli illeciti commessi utilizzando le nuove tecnologie fanno parte del Reparto giudiziario 1. «Nel decidere l’assunzione a tempo determinato di queste persone, il governo – riprende Gobbi – ha ribadito il principio della neutralità finanziaria dell’operazione. Si cercherà pertanto di contenere al massimo il ricorso a perizie esterne durante le inchieste: il risparmio a questa voce dovrebbe assorbire, neutralizzare, la maggiore uscita del Cantone per gli stipendi degli ispettori ausiliari».
Un risparmio «fattibile», secondo il direttore del Dipartimento, alla luce delle mansioni che i tre specialisti sono chiamati ad assolvere. «Le persone assegnate alla Ref devono occuparsi per esempio dell’analisi di documenti contabili e della redazione di rapporti finanziari – rileva il consigliere di Stato –. All’ispettrice che lavora nel Gruppo criminalità informatica spetta fra l’altro l’analisi di computer, cellulari, supporti di memoria e di altro materiale elettronico». Quello partito il 1° gennaio «è un progetto pilota: a fine anno si potrà verificare se sia una soluzione valida da un lato per fronteggiare adeguatamente i momenti di forte aumento dei casi trattati da inquirenti e investigatori, dall’altro per limitare i costi per perizie esterne».

di Andrea Manna, LaRegione Ticino 23.01.2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.