Poliziotti ticinesi a Ginevra per la sicurezza del papa

Poliziotti ticinesi a Ginevra per la sicurezza del papa

A vegliare su papa Francesco a Ginevra domani (leggi pagina a lato) ci sarà anche una sessantina di agenti della Polizia cantonale e di alcune Polizie comunali. “Gli agenti provenienti dal Ticino – si legge in una nota – assicureranno la sicurezza dell’evento a carattere religioso di livello internazionale, coordinati dalla Polizia cantonale del canton Ginevra”. L’arrivo del pontefice all’aeroporto di Cointrin è previsto giovedì mattina, poco dopo le 10. Successivamente sarà accolto dal presidente della Confederazione Alain Berset. Verso le 11 papa Francesco raggiungerà la sede del Consiglio ecumenico delle Chiese, dove sono previsti una preghiera comune e altri appuntamenti relativi alla giornata dedicata all’ecumenismo tra cristiani. Alle 17.30 al Palexpo si svolgerà la messa, alla presenza di oltre 41mila fedeli. Il pontefice ripartirà poi per Roma alle 20. La richiesta di cooperazione sul fronte della sicurezza, giunta dal Consiglio di Stato del cantone Ginevra, si inserisce nell’ambito del ‘Groupement de Mantien de l’Ordre’ concernente l’impiego di forze di polizia intercantonali ed è stata approvata dal governo ticinese e dal Comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi. “Questo in base alla stretta collaborazione tra i vari corpi di polizia elvetici in caso di impieghi rilevanti e a dimostrazione del supporto reciproco all’interno della Confederazione”. Sessantaquattro agenti di polizia (47 della Polizia cantonale, 6 della Polizia della città di Lugano, 3 di quella di Bellinzona, 2 da Locarno, 2 da Mendrisio, 2 da Chiasso, un agente da Losone e uno della Polizia Ceresio Nord) saranno quindi a disposizione domani e dopo per la sicurezza dell’importante avvenimento mondiale. I poliziotti saranno stazionati a Ginevra “garantendo attività di protezione a persone e strutture in collaborazione con le locali forze di sicurezza”. Le spese sopportate dal canton Ticino – conclude la nota – saranno fatturate al canton Ginevra, conformemente ai principi che figurano nel concordato che regola la cooperazione in materia di polizia nella Svizzera romanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.