Ticino sotto la lente

Ticino sotto la lente

Articolo pubblicato nell’edizione di mercoledì 10 ottobre 2018 de La Regione

Infiltrazioni mafiose, Nando Dalla Chiesa: “La vicinanza con la Lombardia espone maggiormente”. Dopo l’interpellanza di Romano sulle inchieste coordinate da Berna, parla lo specialista italiano.

Non è certo passata inosservata la recente interpellanza al Consiglio federale del deputato al Nazionale del Ppd Marco Romano. Le critiche ticinesi alla decisione, nel 2016, della Polizia federale di centralizzare a Berna il coordinamento delle inchieste sulle mafie, oltre che sul terrorismo, trovano infatti appoggio anche da parte di un noto specialista italiano: Fernando (Nando) Dalla Chiesa, figlio del generale dei carabinieri Carlo Alberto, ucciso da Cosa nostra nel 1982. “Se fossi responsabile in Svizzera metterei innanzitutto il Ticino sotto la lente”, afferma in un’intervista, pubblicata ieri dal quotidiano romando “Le Temps”, il fondatore e direttore dell’Osservatorio sulla criminalità organizzata dell’Università degli Studi di Milano. Lo farebbe, spiega Nando Dalla Chiesa, perché “il Ticino è chiaramente più esposto degli altri cantoni alle mafie italiane e straniere basate nel Nord dell’Italia, a causa della sua frontiera con la Lombardia, la lingua e i contatti sul posto”. Dalla Chiesa mette in guardia: dalla Lombardia premono non soltanto le mafie italiane, ’ndrangheta in primis, ma anche quelle estere: albanese (“dominante sul mercato degli stupefacenti”), rumena (specializzata nei furti con scasso), cinese (concentrata sui giochi d’azzardo e le contraffazioni) e ancora russa, nigeriana, nordafricana, sudamericana, che hanno scelto la regione di confine come centro nevralgico delle loro attività. “Per il momento – dice Dalla Chiesa – le inchieste condotte in Italia sul crimine organizzato straniero non risalgono alla Svizzera, contrariamente a quelle concernenti la ’ndrangheta o Cosa nostra. Ma la globalizzazione delle mafie è un processo in corso”. Difficile prevedere se queste mafie possano presto emergere anche in Ticino, aggiunge Dalla Chiesa, il cui Osservatorio ha da poco pubblicato il suo “Quarto rapporto sulle aree settentrionali” destinato alla Commissione parlamentare antimafia italiana. Dipende anche da “come il problema sarà impugnato in Italia dal nuovo governo, e con quali effetti”. Quel che è certo è che la Svizzera è “interessante”: “Possiede grandi quantità di liquidità e membri delle comunità interessate vi si sono già stabiliti. Lo è pure per il riciclaggio del denaro sporco”. Secondo il professore, attualmente “il pericolo del terrorismo è esagerato”, mentre “quello delle mafie è minimizzato”. Nando Dalla Chiesa lancia anche una critica alle autorità svizzere. Esse “collaborano con i loro omologhi italiani. Soltanto, i nostri investigatori sono estremamente ben preparati per affrontare il problema, il che non è sempre il caso da voi in Svizzera. Questo può essere frustrante per i nostri esperti”.

Per Gobbi bilancio in chiaroscuro. Pasi: le inchieste vanno coordinate dove sono commessi i reati spia.

A un paio d’anni dalla centralizzazione a Berna, decisa dalla Polizia federale, del coordinamento delle inchieste sulla criminalità organizzata, il bilancio per quanto concerne il Ticino è in chiaroscuro, stando alle parole del consigliere di Stato Norman Gobbi. “Da un lato è positivo, perché si sono visti miglioramenti sulla capacità di lavorare insieme e dialogare – dice alla ‘Regione’ il direttore del Dipartimento istituzioni –. Dal punto di vista dei risultati, però, non siamo pienamente soddisfatti”. Il motivo è che “mancano quella struttura, quel modus operandi necessari per combattere le organizzazioni criminali. Vale a dire andare fino in fondo su determinate segnalazioni, che anche noi facciamo alle autorità federali”. Detta altrimenti: “Talvolta segnaliamo operazioni un po’ strane, ma poi non vediamo molta voglia di andare fino in fondo”. Secondo Gobbi, la causa però sta nel manico. Cioè nella “mancanza di strumenti legislativi. Per questo abbiamo sempre sostenuto le rivendicazioni del procuratore generale della Confederazione Michael Lauber sul rafforzare determinati punti del Codice penale svizzero”. Soprattutto il “poter classificare, definire meglio le organizzazioni criminali, e dimostrare l’affiliazione dei loro membri, anche in forma passiva”. Di concerto con la possibilità di “eseguire importanti sequestri di beni, finanziari e immobiliari. Finché non gli si tolgono le risorse, per noi diventa difficile contrastarli”, chiosa Gobbi.
La centralizzazione a Berna del coordinamento delle inchieste ha interessato qualche anno fa anche il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc). “Sulla base della mia esperienza di magistrato – afferma, da noi interpellato, Pierluigi Pasi, procuratore federale dal 2003 al 2015 (dal 2004 capo dell’antenna luganese dell’Mpc) –, ho sempre sostenuto che le indagini devono essere condotte e coordinate laddove si manifestano i reati cosiddetti spia, illeciti che possono indicare la presenza su quel territorio dell’attività di un’organizzazione criminale, per esempio piccole estorsioni o incendi dolosi”. Ragion per cui “non posso che condividere le perplessità di Marco Romano e di altri deputati federali”. Per Pasi “bisognerebbe fare un’analisi approfondita – basata su dati oggettivi, anche statistici, e che comprenda tutti gli attori in campo, federali e cantonali – per verificare i livelli di collaborazione e per individuare punti problematici ed eventuali difetti sistemici dell’attuale organizzazione dell’apparato di contrasto, che sembrerebbe non dare i frutti sperati in termini di efficacia. Un’analisi che dovrebbe riguardare pure i risultati di quello che si definisce il contrasto patrimoniale alle organizzazioni criminali”.

Sinergie contro i crac pilotati

Sinergie contro i crac pilotati

Articolo pubblicato nell’edizione di sabato 6 ottobre 2018 de La Regione

Fallimenti e riorganizzazioni del settore, la settimana prossima la Gestione sentirà Gobbi.
Il consigliere di Stato: la proposta di Bourgeois va nella direzione auspicata dal Dipartimento istituzioni.

La recente nomina dell’Ufficiale dei fallimenti del Sopraceneri (Silvio Bottegal) è il primo. Il secondo, non ancora compiuto, è la designazione del Perito contabile che “fungerà da trait d’union tra l’Ufficio dei fallimenti della Divisione della giustizia e il Ministero pubblico”, come spiegava il Consiglio di Stato esprimendosi in luglio su un atto parlamentare di Matteo Pronzini (Mps).

Due passi con cui il Dipartimento istituzioni intende rispondere “in maniera concreta alle necessità operative e organizzative” del Cantone “dovute all’evoluzione registrata negli ultimi anni”, contrassegnati da “un aumento costante dei fallimenti”. Ma anche rafforzare l’azione di contrasto ai dissesti fraudolenti e ai crac ‘programmati’ da sedicenti imprenditori.
«Il tema della lotta ai fallimenti fraudolenti e a quelli pilotati è complesso e va gestito di concerto con varie autorità, non solo del Dipartimento istituzioni – annota il suo direttore Norman Gobbi –. Importante è accrescere la collaborazione tra gli Uffici e le autorità interessati, nell’ottica di procedure coordinate che perseguano l’obiettivo comune di migliorare la lotta contro questo tipo di fallimenti, che, ricordo, rappresentano comunque una minoranza dei casi». In grado però di provocare danni anche importanti all’economia e alla collettività. Sinergie dunque indispensabili.
Nel quadro di questa collaborazione accresciuta si inserisce – indica ancora Gobbi – una prima misura, quella della nuova funzione di Perito contabile all’interno dell’Ufficio dei fallimenti».
La designazione del perito? «Siamo nella seconda fase di selezione a seguito dei primi colloqui». Una volta operativo, il Perito contabile «si occuperà dell’analisi contabile e finanziaria relativa agli incarti dell’ufficio, predisponendo le eventuali segnalazioni al Ministero pubblico, agevolandone così l’attività inquirente». Ma non basta. Perché «occorrerà anche una trattazione efficace dei dossier e al riguardo sensibilizzeremo il nuovo procuratore generale Andrea Pagani». Sul piano legislativo? «La materia è di competenza federale – rammenta il capo del Dipartimento istituzioni –. Ovviamente il Canton Ticino sostiene in generale le modifiche volte a intensificare la lotta contro questo genere di abusi, che hanno un impatto nefasto sul nostro sistema socio-economico».

Proprio un paio di settimane fa il Consiglio nazionale ha aderito in maniera convinta alla mozione del deputato friburghese del Plr Daniel Bourgeois: mozione, riferiva l’Ats, che chiede di negare per un determinato periodo di tempo alle persone condannate per cattiva gestione o mancato versamento degli oneri sociali l’iscrizione nel registro di commercio nel caso in cui decidano di avviare una nuova attività commerciale. Questa proposta, rileva Gobbi, «va nella direzione auspicata dal Dipartimento, quella cioè di aumentare i controlli nei confronti delle società, una direzione simile a quella richiesta dal recente atto parlamentare del consigliere nazionale Giovanni Merlini. Auspichiamo che il Consiglio federale tenga in debito conto queste pertinenti modifiche legislative nell’adottare il messaggio concernente la modifica della Legge federale sull’esecuzione e sul fallimento, atteso per la fine dell’anno».

Torniamo in Ticino, dove martedì prossimo la Commissione della gestione del Gran Consiglio sentirà Gobbi e la responsabile della Divisione giustizia Frida Andreotti. Un’audizione, dice il liberale radicale Giacomo Garzoli, coordinatore della sottocommissione sotto la cui lente c’è la riorganizzazione del settore esecutivo e fallimentare cantonale tratteggiata nel 2017 dal Consiglio di Stato, «che dovrebbe permetterci di capire, come spero, se il messaggio che stiamo esaminando sia ancora attuale o vada rivisto dal governo. E questo alla luce da una parte della nomina del nuovo Ufficiale dei fallimenti del Sopraceneri, dopo la decisione del Dipartimento di ripristinare questa figura, e dall’altra dell’introduzione del Perito contabile».

DI: nominato il nuovo Ufficiale dei fallimenti del Sopraceneri

DI: nominato il nuovo Ufficiale dei fallimenti del Sopraceneri

Comunicato stampa

Nella seduta odierna, il Signor Silvio Bottegal è stato nominato dal Governo quale nuovo Ufficiale dei fallimenti del Sopraceneri, responsabile della direzione degli Uffici dei fallimenti di Bellinzona e Locarno. Una misura voluta dal Dipartimento delle istituzioni e tesa a rafforzare l’operatività dell’Ufficio dei fallimenti, confrontato con un’importante evoluzione della propria attività.
Classe 1971, domiciliato nel Comune di Agno e di formazione giurista, il Signor Bottegal vanta una solida quanto comprovata esperienza all’interno del settore fallimentare, dove ha assunto le funzioni dapprima di giurista e successivamente di Supplente ufficiale del Sottoceneri. Dal mese di febbraio 2018 è pure responsabile ad interim degli Uffici dei fallimenti del Sopraceneri, a seguito della partenza del precedente Ufficiale, garantendo la direzione degli Uffici di Bellinzona e Locarno e quindi l’espletamento delle procedure previste dalla Legge federale sulla esecuzione e sul fallimento, compiti che assumerà formalmente nella nuova funzione di Ufficiale titolare dei fallimenti del Sopraceneri.
La nomina del nuovo Ufficiale dei fallimenti del Sopraceneri s’inserisce nella politica di rafforzamento del settore fallimentare intrapresa negli ultimi mesi dal Dipartimento delle istituzioni, e per esso dalla Divisione della giustizia, che persegue l’obiettivo principale di rispondere in maniera concreta alle necessità operative e organizzative dovute all’evoluzione registrata negli ultimi anni, con un aumento costante dei fallimenti.
Il Consiglio di Stato formula al Signor Bottegal i migliori auguri per questa nuova sfida professionale all’interno dell’Amministrazione cantonale.

 

Radicalizzazione, la miglior offensiva sta nel collaborare

Radicalizzazione, la miglior offensiva sta nel collaborare

Intervista pubblicata nell’edizione di venerdì 14 settembre del Corriere del Ticino

Per il direttore delle Istituzioni è indispensabile fare squadra

Il problema del sovraffollamento delle carceri è annoso. Per cercare di risolverlo si sta valutando di convertire il carcere di Torricella-Taverne in una struttura per detenute. A che punto siamo?
«L’ipotesi sul tavolo è quella di adibire lo stabile di Torricella a un carcere femminile, ma solo per le pene di breve durata. Attualmente il Canton Ticino non dispone di una struttura per l’esecuzione della pena dedicata alle detenute donne e di conseguenza stiamo cercando una soluzione a breve termine. Per questo motivo sono stati avviati i contatti con il Comune di Torricella che ci ha confermato la propria disponibilità a dare vita al progetto. Una buona notizia che ci permette di avanzare con gli approfondimenti di carattere logistico e finanziario che dovrebbero giungere nel corso della primavera del prossimo anno».

Per ragioni di contenimento della spesa, da un progetto iniziale di 142 milioni di franchi per ristrutturare il carcere penale della Stampa si è però scesi a un budget di 35 milioni. Significa che sulla sicurezza si può tagliare?
«Assolutamente no. Per una ragione di contenimento dei costi e delle risorse a suo tempo proposi di rinunciare alla realizzazione di un nuovo stabile, optando per una ristrutturazione delle strutture esistenti. Il Governo si è impegnato per risanare le finanze cantonali, chiedendo un sacrificio anche ai cittadini, pertanto non ho ritenuto rispettoso nei loro confronti portare avanti il progetto di allora per la costruzione di un carcere ex novo».

Ma a che punto siamo con il progetto di ristrutturazione della Stampa?
«Abbiamo individuato tramite il direttore della struttura una serie di misure che intendiamo attuare nel breve termine e che consentiranno di gestire al meglio la popolazione carceraria. Nel lungo termine il Governo ha invece deciso di incaricare la Sezione della logistica di presentare una valutazione su ubicazioni alternative per l’edificazione di un nuovo stabile».

Di recente si è parlato dell’allontanamento dal territorio svizzero di una persona pericolosa e vicina agli ambienti terroristici. Il direttore delle strutture carcerarie ci ha confermato che il problema della radicalizzazione ha toccato anche il Ticino. Cosa può fare la politica per far fronte a queste situazioni?
«Per far fronte a questo genere di minaccia la miglior risposta che possiamo dare è collaborare: grazie allo scambio di informazioni possiamo infatti favorire il lavoro di intelligence tra le forze dell’ordine. Questo sul territorio. All’interno del carcere bisogna puntare, oltre che sull’attività di prevenzione, soprattutto su quella di formazione, perché gli agenti di custodia devono disporre degli strumenti utili all’identificazione del processo di radicalizzazione. La priorità infatti sta nell’individuare i segnali di una possibile radicalizzazione e non nella sua successiva gestione. In questo senso per acquisire le competenze necessarie è stata avviata una collaborazione proficua con la Facoltà di teologia dell’USI per la formazione del personale in tema di religione. Inoltre sono state proposte alcune giornate di approfondimento dal Centro svizzero per la formazione del personale penitenziario, incentrate sul tema della diversità e della cultura islamica».

I 50 anni della Stampa

I 50 anni della Stampa

Intervista pubblicata nell’edizione di venerdì 14 settembre 2018 del Corriere del Ticino

«Basta un’evasione e l’intero sistema è fallito»

Intervista a tutto campo con il direttore Stefano Laffranchini: la gestione dei carcerati, il rischio corruzione e quella casetta dell’amore per i detenuti

Il penitenziario della Stampa compie 50 anni. Inaugurata nell’agosto del 1968, la struttura è stata messa a dura prova negli ultimi anni: se nel 2016 in Ticino le giornate di incarcerazione sono state 82 mila, nel 2017 sono salite a 87 mila. Ma com’è cambiata nel tempo la gestione dei detenuti e soprattutto, qual è lo stato di salute delle nostre carceri? 

Qual è lo stato di salute delle carceri ticinesi?
«In generale buono: nel 1968 la Stampa è stata costruita in maniera intelligente, con piani e sezioni indipendenti. Una modalità che ci consente di gestire al meglio la popolazione carceraria. D’altra parte però abbiamo un problema di posti, come pure di obsolescenza della struttura. Ma ci stiamo lavorando».

Il problema del sovraffollamento è annoso. Ma sono i criminali che crescono o è la durata delle pene che si allunga?
«Direi che il sistema è diventato più performante. Basta leggere la cronaca di tutti i giorni: è raro che gli autori di un crimine non vengano presi. Accanto a questa maggiore efficienza dell’apparato di sicurezza occorre però considerare che almeno l’80% della popolazione carceraria in Ticino è straniera. E questo significa che difficilmente potrà beneficiare della liberazione condizionale. Mi spiego meglio: per poterne usufruire il detenuto non deve in particolare presentare un rischio di fuga. Evidentemente, se non ha legami sul territorio è difficile che venga concessa. Di conseguenza i detenuti che devono scontare l’intera pena alla Stampa sono la maggior parte, incidendo così sull’occupazione».

Quando si parla di sicurezza delle carceri il pensiero corre agli agenti di custodia. Come siamo messi in termini di effettivi?
«In generale, posso affermare che grazie alla spinta del capo Dipartimento, recentemente il Consiglio di Stato ha deciso di rivedere il numero degli agenti verso l’alto. All’ultimo concorso aperto, per 14 posti liberi si sono candidati in 102. Quindi direi che l’interesse per la professione c’è».

Ci racconta che carcere ha trovato al suo arrivo?
«Dal 2014, anno della mia entrata un funzione, gli interventi sono stati molti: ad esempio, in termini organizzativi sono stati rivisti l’organigramma e i flussi di lavoro. Allo stesso tempo, sono stati creati nuovi servizi come quello del trasporto dei detenuti o di intervento in caso di carcerati problematici. Insomma, non siamo rimasti con le mani in mano».

Torniamo ai 50 anni della Stampa. In mezzo secolo, com’è cambiata la gestione dei detenuti?
«È cambiata tantissimo. Basta solo pensare che una volta c’erano solo due sezioni: una per i detenuti recidivi e una per quelli alla prima incarcerazione. Oggigiorno, questa separazione ha lasciato spazio a un altro tipo di suddivisione che avviene anche dal profilo etnico e culturale dei detenuti. Mentre per quel che concerne il reato commesso non vi sono suddivisioni. Questo, ad eccezione degli autori di reati contro l’integrità sessuale, raggruppati in un’unica sezione».

Restiamo sui detenuti, come si svolge una giornata-tipo per un carcerato?
«È molto semplice: in un giorno infrasettimanale il detenuto si sveglia alle 7 e dopo la colazione viene messo al lavoro per 3 ore. Al termine, hanno 45 minuti di tempo libero prima del pranzo in cella. E il pomeriggio si riprende: 3 ore di lavoro e 45 minuti di tempo libero prima della cena. Solo che la sera c’è la possibilità di mangiare in cella o, a gruppi di 15, di cenare in una piccola cucina in compagnia. Mentre alle 21 scatta la chiusura in cella. Rispettivamente, nei festivi al posto delle ore di lavoro i detenuti hanno delle ore libere dove possono andare in palestra o svolgere altre attività».

Ma in media quanto costa la detenzione di un uomo in un anno?
«Il costo è di circa 270 franchi a detenuto. Una cifra questa leggermente inferiore agli altri cantoni, anzitutto considerando il costo differente relativo alle risorse umano, per rapporto ad altri cantoni svizzeri, come accade spesso in altre professioni».

In settimana i detenuti lavorano quindi sei ore al giorno. Che tipo di attività svolgono?
«Innanzitutto va detto che l’obiettivo è il reinserimento sociale del detenuto. Per rispondere alla sua domanda invece, come possibilità di lavoro abbiamo una falegnameria, una legatoria, una stamperia, assembliamo dei giocattoli e stampiamo le targhe per le automobili immatricolate in Ticino. Ma non solo. Accanto a queste mansioni abbiamo i laboratori di servizi interni: ovvero cucina, lavanderia e stireria. Inoltre sui piani sono occupati 12 detenuti che, in gergo, vengono chiamati gli “scopini” e si occupano delle pulizie come pure dell’ordine – inteso non come sicurezza ma dal profilo della gestione delle telefonate e via dicendo – del piano».

Ma come viene vista la figura dello scopino che, pur essendo un detenuto, ha questo tipo di controllo?
«Come una figura autorevole e rispettata. A dispetto del termine che può sembrare riduttivo, si tratta di un posto di responsabilità».

Quanti sono i carcerati che lavorano alla Stampa? Ricevono un compenso?
«All’incirca lavorano in 130 e vengono remunerati con al massimo 3,50 franchi all’ora. Al giorno, guadagnano dunque fino a 33 franchi di cui 8 vengono trattenuti per il loro sostentamento. Bisogna capire che nel contesto delle strutture carcerarie dal profilo oggettivo 8 franchi sono pochi ma, da un punto di vista soggettivo, è una somma importante. Insomma, è un gesto educativo. Inoltre, dell’importo totale il 15% viene bloccato fino alla scarcerazione del detenuto mentre il 20% è utilizzato per pagare eventuali spese mediche non coperte dalla LaMal. Quello che rimane è a disposizione del detenuto che può utilizzarlo come aiuto alla famiglia, per acquisti nel nostro negozietto interno oppure ancora per telefonare a casa. Allo stesso tempo, sempre in un’ottica di responsabilizzazione, se il detenuto vuole la televisione la paga. Un franco al giorno».

La domanda qui sorge spontanea. Che tipo di film possono guardare i detenuti?
«Partendo dal presupposto che la missione del carcere è la risocializzazione teniamo evidentemente sotto controllo la situazione ponendo una serie di limitazioni. Di principio è vietata la visione di filmati pornografici. Senza voler essere moralisti a tutti i costi bisogna considerare che vi sono persone in detenzione per aver commesso aggressioni sulle donne e questo genere di filmati non aiutano il percorso rieducativo».

Restiamo sul tema: come risponderebbe a chi critica i presunti privilegi di cui godrebbero i detenuti?
«Semplice, ho deciso di non rispondere più. Perché la verità è che c’è una percezione bivalente del carcere: da un lato, una fetta dell’opinione pubblica è convinta che vessiamo i detenuti nei modi più disparati. Dall’altro, c’è chi ci vede come un carcere a 5 stelle. In tal senso passo dal dovermi giustificare sul perché nel menu proponiamo cibo vegetariano ma non vegano, urtando magari la sensibilità di qualcuno, al rendere conto del perché una volta all’anno si organizza un piccolo concertino in favore dei detenuti. Insomma, da qualsiasi parte la si guardi, ci sarà sempre qualcuno critico. Alla fine ho quindi deciso di non giustificarmi più. Io devo svolgere il mio lavoro e fare il possibile per favorire il percorso di risocializzazione del detenuto, senza fare sconti nel caso in cui non vengano rispettate le regole».

Vi sono già stati casi di corruzione presso le strutture carcerarie che dirige?
«In generale va detto che c’è stato, e potenzialmente c’è, questo problema anche presso le strutture carcerarie cantonali. Tuttavia ritengo che rispetto ai miei omologhi, e penso in particolar modo alla vicina Penisola, ho un vantaggio: ovvero quello di dirigere una struttura di dimensioni “ridotte” dove il numero di detenuti non supera le 280 unità. C’è quindi un divario importante con le prigioni lombarde dove, invece, si contano 1.500 detenuti. In tal senso va da sé che un numero maggiore di detenuti significa disporre di più personale e di conseguenza conoscere tutti non è semplice. In Ticino, le strutture carcerarie contano 160 collaboratori, mi è dunque molto più facile instaurare un rapporto personale con ciascuno di loro e percepire se c’è qualcosa che non va. Un caso di corruzione, nella storia della Stampa, in effetti c’è stato. I fatti del 1992 – quando alcuni detenuti sono evasi muniti di armi che erano state fornite proprio da un collaboratore – sono ben impressi nella memoria di tutti. Oggi la guardia resta alta per evitare che fatti simili possano succedere nuovamente. Perché basta un’evasione e il sistema carcerario è fallito. Ecco perché non abbassiamo mai la vigilanza. In tal senso, oltre al rapporto di fiducia con i singoli agenti sono state attuate una serie di azioni preventive: penso ad esempio ai controlli a sorpresa sul personale in entrata, sottoscritto compreso».

Cambiamo tema. In 50 anni il crimine è evoluto e oggi si parla sempre di più della radicalizzazione. Quanto la preoccupa il proselitismo nelle carceri?
«Va detto che il carcere è uno specchio del territorio. Il problema della radicalizzazione è molto sentito in Italia e in Francia ma meno, per il momento, in Svizzera e in Ticino. Alla Stampa abbiamo avuto un caso di detenuto radicalizzato, e abbiamo adottato tutte le misure del caso per evitare che influenzasse altri detenuti».

Ad esempio?
«Per ovvie ragioni di sicurezza, non posso esprimermi al riguardo. Di campanelli d’allarme a cui prestare attenzione per combattere il proselitismo ce ne sono ma non sono sempre facilissimi da cogliere. In tal senso, la prossimità degli agenti di custodia è decisiva come pure l’osservazione di piccoli segnali come la banalità di farsi crescere la barba, di chiedere un tappetino per la preghiera o seguire il Ramadan. Evitiamo fraintendimenti: non sto dicendo che tutti i musulmani praticanti sono radicalizzati, semplicemente che ci sono dei piccoli segnali a cui dobbiamo prestare attenzione. Ma a giocare un ruolo sono anche i detenuti stessi che possono segnalare eventuali comportamenti sospetti. In media, il 15% dei detenuti oggi è di fede musulmana».

Ampliando invece lo sguardo, qual è la principale difficoltà nella gestione di un carcere?
«Probabilmente sto per dare la risposta meno prevedibile in assoluto. Ma la difficoltà più grande che ho non è dettata dal carcere in quanto tale ma piuttosto da una questione organizzativa. Il penitenziario cantonale infatti fa parte dell’Amministrazione cantonale e quindi deve sottostare a iter e procedure stabilite, soprattutto per quel che riguarda l’aspetto finanziario. La mia aspettativa al momento di assumere questa carica era quella di essere direttore del carcere con tutta l’autonomia che questo comporta. In altre parole avere un budget all’inizio dell’anno da poter gestire al meglio nel corso dei mesi. Ma così non è. Fortunatamente posso contare sulla sensibilità e l’appoggio del direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi. A volte però sono davvero sorpreso dei tempi dell’apparato statale per ottenere le risorse materiali di cui necessito per la gestione ottimale della struttura».

Un’ultima domanda: le è già successo che un detenuto si togliesse la vita?
«È capitato una volta in quattro anni. Si tratta di una singola volta che però ha lasciato il segno ma anche sul personale che intrattiene rapporti umani con queste persone. È la cosa peggiore che possa succedere. Non da ultimo perché, in veste di direttore, significa che ho disatteso la mia missione. Ogni decesso, per me, è un fallimento».

Giustizia, aria di potenziamento

Giustizia, aria di potenziamento

Servizio all’interno dell’edizione di mercoledì 12 settembre 2018 de Il Quotidiano
https://www.rsi.ch/play/tv/redirect/detail/10869161


Articolo pubblicato nell’edizione di giovedì 13 settembre 2018 de La Regione

Il governo condivide l’idea di rafforzare il Ministero pubblico con un procuratore straordinario
Vertice ieri mattina fra il Consiglio di Stato e Andrea Pagani, procuratore generale: rafforzare l’Mp non è un costo ma un investimento

Un incontro «franco e trasparente, con informazioni aggiuntive da parte del Ministero pubblico che hanno portato il governo a confrontarsi sul tema di un procuratore pubblico straordinario». Sono le parole con cui ieri, in conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline, il ministro delle Istituzioni Norman Gobbi ha lasciato intendere che dati e motivazioni fornite dal procuratore generale Andrea Pagani nel corso dell’incontro con il Consiglio di Stato potrebbero bastare per scendere sulla strada di un potenziamento del Ministero pubblico.
Qualora si decidesse per il rafforzamento, ha aggiunto Pagani, la nuova figura difficilmente verrà assunta a concorso, perché il profilo dei candidati è solitamente troppo “verde” per un impegno simile. «Ci vuole un giurista o un avvocato di “peso” – ha detto il pg – che dal primo giorno possa essere pienamente operativo». «La richiesta di un potenziamento della sezione partiva da una lettera da me scritta all’inizio di giugno.
Il problema, noto, è che la sezione dei reati economico-finanziari ha un numero di procedimenti penali pendenti, in parte fermi, che non permette di ossequiare al principio della celerità».
Oggi, ha proseguito, «con il governo è stato fatto un discorso molto franco e trasparente. Sono particolarmente soddisfatto di quanto è emerso da parte del Consiglio di Stato, che si riserva comunque di verificare e di esaminare un documento da me redatto e che fotografa con dati e considerazioni l’attuale situazione della sezione. Per il governo c’è materia sufficiente. Sono fiducioso per la risposta che si darà non tanto al Ministero pubblico che rappresento, quanto alla popolazione del Canton Ticino».
Secondo Pagani, «una giustizia non celere non è giustizia. Inoltre, un potenziamento del Ministero pubblico non va visto come un costo, ma come un investimento: ci sono milioni sequestrati pendenti da 10-15 anni, che rischiano la prescrizione. Davanti a queste motivazioni, e al sistema di monitoraggio delle entrate e delle pendenze che c’è ora in Ministero pubblico, il governo potrà decidere in serenità».
Per Gobbi «è stato importante, per il governo, prendere atto del chiaro segnale d’indirizzo della direzione del Ministero pubblico sulla gestione operativa del Ministero stesso. Rispetto al passato, emerge una nuova volontà di gestione attiva, per evitare prescrizioni che danneggino l’immagine del funzionamento della giustizia in Ticino. Si tratta di un cambio d’indirizzo da salutare». Pertanto, «guardiamo con più tranquillità alle richieste, che devono essere sostanziate da dati come quelli ottenuti da Pagani. L’obiettivo non è dare “tout court” un procuratore pubblico in più, quanto piuttosto una risorsa per evadere le pendenze che giacciono da tempo, ottenendo chiusure che permettano di contenere i danni, anche magari non con piena soddisfazione di tutte le parti in causa».
La conferma del “nuovo corso” in Ministero pubblico è stata data da Pagani: «Ho segnalato al CdS che la nuova direzione del Ministero si prodiga per fare in modo che ci sia una migliore ridistribuzione dei dossier nell’ufficio. Non sarà più solo il caso, secondo il criterio del picchetto, a determinare l’attribuzione di un procedimento. Questa sarà, invece, il frutto di un lavoro che andrà fatto quotidianamente, tramite un miglior monitoraggio generale».
Interrogato circa la presenza, nel pacchetto di richieste, anche dei 3 segretari giudiziari supplementari evocati qualche mese fa, il Pg ha parlato di priorità: «Prima il pp straordinario, poi il resto, in base alla politica dei piccoli passi che permette di solito di ottenere un consenso allargato». Pagani ha ammesso che per il pp straordinario ci sarebbero già «2-3 nomi» di papabili. In merito infine alla situazione di perenne instabilità all’interno del Ministero pubblico, il Pg ha rilevato che «negli ultimi 7 anni il 66% dei procuratori è cambiato. Quindi molti dossier sono passati di mano. Chi arriva non sa esattamente cos’ha in dotazione. L’ultimo pp entrato in carica è da un mese che legge i dossier per capirlo».

Verso un procuratore in più

Verso un procuratore in più

Dalle Cronache regionali RSI
https://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigioni-e-insubria/Verso-un-procuratore-in-pi%C3%B9-10868246.html

Da www.rsi.ch/news

Il Governo ticinese apre all’introduzione di un rinforzo straordinario per smaltire gli arretrati del Ministero pubblico
Il Consiglio di Stato ticinese è “meno scettico” sulla richiesta di nominare un procuratore straordinario al Ministero pubblico, come ha detto il direttore del Dipartimento delle istituzioni, Norman Gobbi, al termine di un incontro con il procuratore generale Andrea Pagani. Il confronto ha avuto luogo mercoledì mattina ed è stato definito da entrambi “franco e trasparente”.
L’introduzione di un aiuto supplementare, per cinque anni, sarebbe “una misura d’urgenza” per permettere ai procuratori di svolgere al meglio il loro lavoro perché, per dirla con le parole del PG, “una giustizia che non è celere non è una giustizia”. Il rinforzo si occuperebbe solo degli incarti che riguardano i reati economico-finanziari. Questa sezione, infatti, ha diversi procedimenti penali fermi e che rischiano di cadere in prescrizione.
L’incontro non si è quindi concluso con una vera e propria approvazione della richiesta di potenziamento del Ministero pubblico.
Un potenziamento che tuttavia, afferma Pagani, “non va visto come un costo ma come un investimento”.

 

Da www.ticinonews.ch

Un potenziamento della Magistratura è possibile
Il pg Andrea Pagani ha incontrato il ministro Norman Gobbi. Non si esclude un procuratore straordinario

Sia il direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi sia il procuratore generale Andrea Pagani hanno definito “franco e trasparente” il vertice d questa mattina tra Consiglio di Stato e Ministero pubblico.
Punto centrale della discussione, la richiesta della Procura di un procuratore pubblico straordinario per far fronte all’aumento degli incarti pendenti. Pagani ha presentato al direttore del DI dati e motivazioni alla base della richiesta di un potenziamento del Ministero pubblico e in particolare della Sezione reati economici in quanto “ci sono milioni sequestrati pendenti da 10-15 anni, che rischiano la prescrizione”.
“Ci vuole un giurista o un avvocato di peso che dal primo giorno possa essere pienamente operativo”, ha spiegato, escludendo de facto un concorso pubblico per questa eventuale nuova funzione.
Il Governo ha preso atto del chiaro segnale della direzione del Ministero pubblico sulla gestione operativa del Ministero stesso, con una nuova volontà di gestione attiva per evitare prescrizioni che danneggino l’immagine del funzionamento della giustizia – ha commentato il direttore del DI Norman Gobbi – Si tratta di un cambio d’indirizzo da salutare”.
Un mese fa, ricordiamo, Gobbi aveva dichiarato al Corriere del Ticino che “il Consiglio di Stato è molto critico sulla figura del procuratore straordinario, attorno al quale regna forte scetticismo”.
L’ultima parola sul rinforzo temporaneo in seno alla Magistratura spetterà in ogni caso al Gran Consiglio.

Accusò Gobbi e ora ricusa il giudice: perde ancora

Accusò Gobbi e ora ricusa il giudice: perde ancora

Da www.ticinonews.ch

Il TF ha respinto la domanda di revisione di una 33enne italiana espulsa dal DI, secondo cui il giudice Seiler è “di destra e imparziale”

Nulla da fare per una 33enne cittadina italiana che aveva ricorso fino al Tribunale federale per opporsi alla sua espulsione, decisa nel 2014 dalla Sezione della popolazione del DI (vedi articolo suggerito). La donna, ricordiamo, aveva ottenuto un permesso di dimora della validità di 5 anni per esercitare un’attività lucrativa dipendente in qualità di addetta alla reception presso un esercizio pubblico, in seguito fallito senza averle mai pagato lo stipendio. Essendo priva di entrate finanziarie e non avendo maturato un diritto all’indennità di disoccupazione, a partire da settembre 2014 aveva dovuto far capo all’assistenza pubblica.

Nel suo ricorso al TF, la 33enne aveva contestato le conclusioni a cui sono pervenuti i giudici cantonali “in relazione ad un asserito conflitto di interessi in cui si sarebbe trovato l’on. Norman Gobbi al momento di validare una decisione in materia di rilascio di permessi di soggiorno a cittadini stranieri”, nella sua veste di Presidente del Consiglio di Stato e responsabile del Dipartimento delle istituzioni e nel contempo “membro di un partito che promuove una politica restrittiva in materia di immigrazione”. Il 12 giugno scorso, però, la Corte presieduta dal giudice Hans Georg Seiler aveva respinto il gravame “composto da lunghi paragrafi organizzati in una progressione di cui solo raramente è possibile individuare una logica” e aveva confermato la revoca del permesso B.

Il 23 luglio 2018 successivo la 33enne aveva presentato una domanda di revisione della sentenza del TF con cui chiedeva, previo conferimento dell’effetto sospensivo, “la riforma integrale/revocazione/interpretazione e rettifica” nonché l’annullamento di tutti gli atti impugnati. La ricorrente aveva inoltre chiesto la ricusa del giudice Seiler, Presidente della II Corte di diritto pubblico, in quanto appartenente ad una fazione politica (…) “di estrema destra nazionalista”, equivalente al partito del Presidente del Consiglio di Stato di cui aveva chiesto in sede cantonale la ricusa, motivo per cui vi sarebbe “una presunzione certa ed assoluta dunque che sia stato realizzato un eclatante favoreggiamento” (…) “al fine di sostenere e fondare una propria ingerenza politica ideologica ed illegittima”, trattandosi di una fazione politica (…) “in evidente e netto contrasto all’immigrazione”, (…) “essendo lampante il pregiudizio di tale orientamento politico a discapito degli stranieri” (…), potendosi “ragionevolmente desumere che la sentenza esecutiva sia stata effettivamente preordinata e tendenziosa al solo scopo di ossequiare il proprio interesse ideologico-politico, calpestando contestualmente i più basilari e ovvi principi costituzionali, comunitari e internazionali di imparzialità e indipendenza della giustizia”.

Il TF ha però ritenuto inammissibile in quanto tardiva la domanda di ricusazione e respinto quella di revisione della sentenza, presentate con “un lungo esposto, di difficile lettura e comprensione, di considerazioni generali intercalate da aforismi e massime giuridiche nonché di richiami di norme internazionali e convenzionali”. Una domanda per violazione delle norme sulla ricusazione dev’essere infatti depositata presso il TF entro 30 giorni dalla scoperta del motivo di ricusazione. “La composizione ordinaria della II Corte di diritto pubblico, pubblicata sul sito Internet del Tribunale federale e nell’annuario federale, è notoria ed era quindi nota all’istante già prima dell’emanazione della sentenza del 12 giugno 2018”, ha spiegato la Corte federale. Inoltre “la domanda sarebbe comunque inammissibile in quanto l’istante non spiega in che misura il magistrato in questione adempirebbe concretamente uno dei motivi di ricusazione”. Inoltre “l’appartenenza di un magistrato a un determinato partito non è di per sé sufficiente per fondare una parvenza di parzialità”.

Per quanto riguarda la domanda di revisione, quest’ultima è stata respinta in quanto “la ricorrente ha semplicemente riproposto le censure già formulate nella precedente procedura” (ovvero un presunto comportamento vessatorio e discriminatorio della Sezione del lavoro a causa della sua nazionalità). Neppure l’interpretazione e/o la rettifica della sentenza del 12 giugno 2018 è possibile in quanto il suo dispositivo non può essere in alcun modo ritenuto “poco chiaro, incompleto o ambiguo o contiene elementi che sono in contraddizione tra loro”.

 

Giudici supplenti: dichiarazione di fedeltà alla Costituzione e alle leggi

Giudici supplenti: dichiarazione di fedeltà alla Costituzione e alle leggi

Comunicato stampa

Nel corso della mattinata odierna hanno dichiarato fedeltà alla Costituzione e alle leggi i due giudici supplenti designati dal Consiglio di Stato lo scorso 3 agosto. L’avvocato Manuela Frequin Taminelli e l’avvocato Curzio Guscetti interreranno in funzione a partire dal 1. settembre 2018 rispettivamente al Tribunale penale cantonale all’Ufficio del giudice dei provvedimenti coercitivi.
Alla cerimonia di giuramento, che ha avuto luogo nella Sala Monteceneri di Palazzo delle Orsoline a Bellinzona, hanno preso parte il Presidente del Governo Claudio Zali, il Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, il Cancelliere dello Stato Arnoldo Coduri, la Direttrice della Divisione della giustizia Frida Andreotti, il Presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani e il Presidente dell’Ufficio del giudice dei provvedimenti coercitivi Maurizio Albisetti.

Una giustizia penale più forte

Una giustizia penale più forte

Da www.rsi.ch/news

Un giudice in più per il Tribunale e sostituzione immediata ai provvedimenti coercitivi. Governo scettico sulla richiesta della procura
La giustizia ticinese potrà contare su nuove forze. Il Consiglio di Stato ha deciso di potenziare il settore che da tempo reclama nuove forze tramite la nomina di due giudici per la magistratura penale. Uno andrà a rafforzare il Tribunale penale. L’altro garantirà l’operatività dell’ufficio che si occupa dei provvedimenti coercitivi (arresti, carcerazioni preventive e di sicurezza, ecc.). Inoltre è stata consolidata l’assegnazione di due vicecancellieri supplementari.
Il primo settembre assumeranno le nuove funzioni l’attuale giudice supplente Manuela Frequin Taminelli (Tribunale penale) e il segretario giudiziario Curzio Guscetti (provvedimenti coercitivi) che sostituirà temporaneamente Claudia Solcà, nominata alla nuova corte di appello federale. Manuela Frequin Taminelli fungerà da giudice straordinario in attesa che il potenziamento del Tribunale penale da quattro a cinque giudici venga ancora nella legge.

La nota governativa definisce la decisione “Un segnale importante che dimostra la volontà del Governo, e per esso del Dipartimento delle istituzioni, di continuare a garantire il buon funzionamento della giustizia”.

Governo scettico sul procuratore aggiuntivo
https://www.rsi.ch/play/tv/redirect/detail/10744859

Da tempo la magistratura inquirente e giudicante ha formulato richieste di potenziamento a Esecutivo e Legislativo cantonali. Il Consiglio della Magistratura si è fatto avanti anche di recente. La Procura, da parte sua, chiede un procuratore aggiuntivo che affianchi gli attuali 21 magistrati per aiutarli a far fronte ai numerosi incarti pendenti. Una richiesta di fronte alla quale il Consiglio di Stato “è scettico” ritenendo che vi siano ancora margini di ottimizzazione organizzativa, ma è disposto a prendere in considerazione nell’ambito del preventivo 2019.

 

Articolo pubblicato nell’edizione di sabato 4 agosto 2018 de La Regione

‘Procuratore pubblico straordinario, l’Esecutivo è piuttosto scettico’
Dal Tribunale penale cantonale al Ministero pubblico. Dalla magistratura giudicante a quella inquirente. La Procura sollecita un potenziamento temporaneo, tramite un procuratore straordinario, per poter chiudere “alcuni procedimenti finanziari datati”. L’istanza è pendente ormai da tempo in governo. Tuttavia «il Consiglio di Stato è molto scettico e critico su questa richiesta perché – dice il capo del Dipartimento istituzioni alla ‘Regione’ – non si sono ancora viste, nell’ufficio giudiziario in questione, quelle misure di carattere organizzativo e operativo che potrebbero permettere di produrre di più con le risorse già oggi a sua disposizione». Negli ultimi anni, continua Norman Gobbi, «il Consiglio di Stato, attraverso il Dipartimento che dirigo, ha concesso risorse, mi riferisco in particolare ad analisti, per rendere più incisiva l’azione di contrasto ai reati economico-finanziari». Aggiunge: «Ancora questo mese incontreremo comunque il procuratore generale Andrea Pagani e ne discuteremo. Questo prima di prendere una decisione definitiva con riferimento al Preventivo 2019 del Cantone». Ieri intanto alcune decisioni il governo le ha prese. Decisioni importanti concernenti il Tribunale penale e dunque le sue due Corti, quella delle assise criminali e quella delle assise correzionali, davanti alle quali si tiene buona parte dei processi che si celebrano ogni anno in Ticino. Ha designato un giudice supplente a tempo pieno, che entrerà in carica a breve (il 1° settembre) e ha attribuito definitivamente, sempre al Tpc, i due vicecancellieri in più che nel luglio 2017 gli aveva assegnato a titolo provvisorio. Ma soprattutto il governo è intenzionato a proporre prossimamente al Gran Consiglio, con una modifica della Legge sull’organizzazione giudiziaria, un aumento del numero dei giudici ordinari del Tpc: dagli attuali 4 a 5. Il Tribunale penale “ha aperto, lo scorso anno, un numero ancora maggiore di nuovi incarti, raggiungendo quota 246”, rileva il Rapporto 2017 del Consiglio della magistratura e delle autorità giudiziarie. “Per il terzo anno di fila” il Tpc “è stato confrontato con un carico di lavoro notevolmente aumentato”. Per farvi fronte arrivano ora dal governo le prime misure.